• Home
  • Certificazione Energetica

Certificazione Energetica

Nelle recenti finanziarie sono stati previsti incentivi ed agevolazioni per il risparmio energetico e per la riqualificazione energetica degli edifici ovvero di tutti quegli interventi volti a ridurre la dispersione termica di un edificio o di una casa o, più in generale, a risparmiare energia.  La detrazione fiscale ammonta al 55% sull'IRPEF ed è stata prolungata fino al 31 Dicembre 2015.

Le detrazioni sono quindi finalizzate al risparmio energetico e riguardano quindi, per esempio:

  • sostituzione degli infissi;
  • acquisto di pannelli solari;
  • l'isolamento delle coperture con materiali isolanti per ridurre la dispersione del calore;
  • l'installazione di doppi vetri e guarnizioni supplementari su serramenti esistenti o con infissi aventi maggiori proprietà isolanti;
  • l'isolamento delle pareti dall'interno dall'esterno o dall'intercapedine;
  • la sostituzione della caldaia vecchia con una nuova o con altri generatori di calore ad alto rendimento che comportino una riduzione del 20% dall'indice di prestazione energetica;

Possono usufruire di questi benefici fiscali i seguenti soggetti:

  • persone fisiche, enti e soggetti di cui all’art. 5 del TUIR1, ossia società semplici, società in nome collettivo, società in accomandita semplice e imprese familiari, non titolari di reddito d’impresa, che sostengono le spese per l’esecuzione degli interventi di riqualificazione energetica su edifici esistenti, su parti di edifici, o su unità immobiliari esistenti di qualsiasi categoria catastale, anche rurali, posseduti o detenuti (art. 2, comma 1, lett. a);
  • soggetti titolari di reddito d’impresa che sostengono le spese per l’esecuzione degli interventi di riqualificazione energetica su edifici esistenti, su parti di edifici, o su unità immobiliari esistenti di qualsiasi categoria catastale, anche rurali, posseduti o detenuti (art. 2, comma 1, lett. b).

Per ottenere la detrazione IRPEF del 55% sulle spese sostenute è necessario:

    • effettuare l’intervento di riqualificazione energetica nel rispetto dei requisiti limite previsti dalle norme per i vari componenti;
    • pagare l’intervento di riqualificazione tramite bonifico bancario specificando il proprio codice fiscale e codice fiscale o partita IVA del beneficiario, chiedendo al beneficiario di specificare in fattura l’importo della manodopera, pena l’impossibilità di usufruire delle detrazioni fiscali;
    • Incaricare un tecnico di svolgere le seguenti operazioni (ove necessario):
      -asseverazione che attesti la rispondenza dell’intervento ai pertinenti requisiti;
      -attestazione di certificazione energetica (o di qualificazione energetica se non codificata dalle norme regionali e nazionali);
      -redazione di una relazione informativa che valuti i benefici ottenuti con l’intervento di riqualificazione energetica;

 

    -Inviare all’ENEA copia firmata in originale della documentazione

Ricordiamo che le spese sostenute per le prestazioni professionali relative a tutte le tipologie di interventi sopra citati sono deducibili.

Contattaci per scoprire come ottenere questi benefici fiscali!

Vuoi saperne di più? Leggi la documentazione completa sul sito dell'ENEA!